scaldabiberon

Riguardo allo scaldabiberon ci sono molte perplessità da parte delle mamme e dei papà, specialmente quando sono alle prime armi e si trovano a dover fronteggiare una prima gravidanza. I dubbi sulla scelta di un modello con determinate caratteristiche piuttosto che un altro sono più che leciti, ogni genitore vuole sapere con chiarezza quello che è meglio fare per il proprio bambino, per questo motivo eliminare ogni dubbio è sempre meglio.

Gli scaldabiberon a caldo sono l’evoluzione del metodo a bagnomaria utilizzato dalle nostre nonne per scaldare il latte materno. Un tempo, infatti, si faceva bollire un po’ d’acqua, si immergeva il biberon e si lasciava stare per qualche minuto fino al raggiungimento della temperatura ottimale. Ovviamente questo metodo era molto approssimativo, la temperatura del latte non era mai perfetta, spesso c’era da aspettare un po’ prima di darlo al bebè in lacrime per la fame, perché troppo bollente. Gli scaldabiberon a caldo, dunque, sfruttano lo stesso principio ma garantiscono una maggiore sicurezza e una temperatura ottimizzata e costante: sono elettrodomestici molto piccoli che possono comprendere diverse caratteristiche.

Una delle cose più interessanti dei moderni scaldabiberon è la presenza della spia che indica se l’apparecchio è in funzione, lo stato del riscaldamento del latte e quando è pronto. Ci sono modelli che oltre a fornire un supporto visivo, hanno anche segnali acustici che avvertono quando il latte ha raggiunto la temperatura stabilita e ottimale.

Lo scaldabiberon è un elettrodomestico che funziona tramite la corrente elettrica, ma esistono modelli pensati per chi si trova spesso in macchina e ha bisogno di poter scaldare velocemente il latte per il proprio bambino. Hanno infatti degli adattatori che, collegati all’accendisigari dell’auto, permettono di mettere in funzione l’elettrodomestico che, ovviamente, tenderà a svolgere molto più lentamente il proprio lavoro.

Nella categoria il migliore scaldabiberon si trovano quelli con vano refrigerante per tenere il latte pronto all’uso, ottimi come veri e propri thermos da portare con sé anche durante una mattinata di spese nel centro della propria città. Questa soluzione può essere molto buona per le mamme e i papà che hanno bambini non molto simpatizzanti del latte troppo caldo, basterà prepararlo prima di uscire per darglielo una volta intiepiditosi all’ora della sua pappa.

Gli scaldabiberon sono dotati di programmi specifici attraverso i quali il latte viene scaldato a temperature differenti, variabili in base ai gusti e ai bisogni dei piccoli: ovviamente il biberon infierisce molto sul risultato finale, più spessa sarà la “bottiglia”, più tempo necessiterà per raggiungere la temperatura desiderata. In ogni caso è sempre importante verificare la temperatura del latte prima di somministrarlo al piccolo, nel caso in cui fosse troppo fredda potrebbe essere difficile da digerire. Per essere sempre sicuri, è bene sempre scegliere uno dei migliori modelli dotati di tutte le funzionalità più importanti, come i scaldabiberon chicco.

postazione lavoro sedia ufficio

postazione lavoro sedia ufficioViene molto spesso sottovalutata, ma è essenziale per prevenire dolori alla schiena e per aumentare la produttività: parliamo della sedia da ufficio per la scrivania di ogni impiegato e della relativa importanza della corretta postura.

Considerate le otto ore canoniche di lavoro, spesso di fronte a un pc – spesso, oltretutto, aumentate per fare qualche straordinario e aumentare i propri introiti nella busta paga a fine mese – passare questo intramontabile tempo in modo sbagliato, comporta, a fine giornata, un malessere generale, sia fisico che psichico: parliamo dell’importanza delle sedie da ufficio riferendoci, ovviamente, a tutte quelle persone che a prescindere dal lavoro passano la propria giornata, per la maggior parte, seduti a una scrivania, come studenti, ma anche appassionati di gaming. Il rapporto tra postura, scrivania e sedia da ufficio è essenziale: è fondamentale avere a disposizione una sedia regolabile, possibilmente ergonomica, con uno schienale decente e, a seconda dei casi, dotata di braccioli.

Risparmiare sulla sedia da ufficio non è sempre una mossa azzeccata, anzi: spesso, acquistando prodotti poco adatti al proprio lavoro, magari non in grado di “relazionarsi” positivamente con le dimensioni della scrivania, si rischia soltanto di aumentare fortemente la dose di stress quotidiano. Un giusto supporto per la schiena, che sia inclinabile e ben imbottito, aumenterà nettamente le prestazioni e le capacità di concentrazione per lavorare in maniera continuativa e produttiva: un ottimo consiglio da seguire per poter uscire da lavoro con una schiena non dolente, è sicuramente quello di sfruttare il poggiatesta della propria sedia o poltrona.

sedia-girevole-postazioni-lavoro-ergonomicaPer lavorare in maniera efficace e non troppo stancante, occorre, di tanto in tanto, fare una brevissima pausa di qualche minuto, per consentire al cervello di riposare: poggiare la testa alla sedia da ufficio con poggiatesta imbottito e comodo, giusto per qualche istante, consentirà di tenere viva la voglia di lavorare e scaccerà sicuramente l’emicrania dovuta a uno sforzo intellettuale eccessivo. Ovviamente, a seconda del proprio lavoro, cambieranno anche le esigenze: una sedia da ufficio di un contabile avrà la necessità di contare su caratteristiche diverse rispetto a quella di un disegnatore.

Consideriamo l’assetto del contabile: un pc, una tastiera magari a scomparsa nella scrivania, un mouse. L’importanza del poggiatesta e di un buon paio di braccioli, in questo caso, farà la differenza sulla postura; un disegnatore, invece, avrà di fronte un pc con tavoletta grafica o magari un sempreverde foglio di carta. In questo caso sarà fondamentale la possibilità di reclinare a proprio piacimento lo schienale e probabilmente i braccioli, qualora fossero presenti, sarebbero soltanto un intralcio.

La scelta della corretta sedia da ufficio potrebbe sembrare una banalità: come abbiamo visto, per poter lavorare sempre al massimo e non procurarsi troppi dolori alla schiena, scegliere il modello più corretto può davvero fare la differenza.