Timber by EMSIEN-3 LTD
Blog

0 1753

La cyclette può aiutare ogni donna a ridurre la massa grassa in una delle zone più odiate e difficili da trattare, le cosce. Questo attrezzo, infatti, è indicato in particolar modo per tonificare le gambe, anche se serve, come in tutti i casi, molta determinazione, forza di volontà e autocontrollo.

Quando si intraprende un allenamento con la cyclette per allenare tutto il corpo e in particolare le cosce è sempre bene tenere a mente che i risultati si avranno solo con un po’ di pazienza; idealmente sarebbe opportuno allenarsi almeno tre o quattro volte alla settimana, per un paio di mesi, a quel punto se avremo seguito anche un’alimentazione corretta, vedremo i primi risultati concreti e sorprendenti.

Oltre ad allenarsi con la cyclette per le cosce si possono effettuare esercizi mirati e pensati appositamente per una zona così delicata e difficile da allenare. Con qualche squat e qualche affondo, infatti, si tonificheranno e si snelliranno sia le cosce che i glutei.

Consigliamo di iniziare sempre con un po’ di cyclette di riscaldamento, di almeno 5 minuti, ai quali far seguire la velocità più impegnativa. Alla fine di ogni sessione di allenamento è importantissimo raffreddare correttamente i muscoli e riportare il cuore e il respiro al loro ritmo naturale. Un po’ di stretching iniziale fa sempre bene, perché permette di preparare il corpo al lavoro.

Con una trentina di minuti ad allenamento, da aumentare a mano a mano che la forza nella gambe aumenta, la cyclette darà risultati soddisfacenti per cosce e glutei. Chiaramente per chi è alle prime armi è sempre meglio non iniziare subito con la massima intensità, scegliendo una resistenza eccessiva per esempio, consigliamo quindi di procedere per gradi, pedalando a una velocità modesta magari a ritmo di musica.

Inizialmente utilizzate la bicicletta da camera per una ventina di minuti, cercando di aumentare, ogni settimana seguente, il tempo della vostra sessione di allenamento arrivando a quaranta-sessanta minuti. Ricordate sempre di raffreddare, alla fine, i muscoli con una pedalata molto più moderata e rilassata, accompagnata da respiri profondi e piuttosto lenti in grado di regolare respirazione e battito cardiaco.

La cyclette per dimagrire nella zona delle cosce è molto buona perché permette di concentrare l’allenamento in maniera mirata proprio in quella zona. Non spaventatevi se inizialmente potreste notare un aumento di diametro della gamba, non sarà altro che il muscolo intento ad aumentare di massa, che, proprio facendo così, toglierà di mezzo il grasso in eccesso.

Bere tanta acqua e tanto tè verde, senza dimenticarsi di sfruttare i benefici di una buona tisana al finocchio, magari, sono ottimi consigli che vi possiamo dare per ridurre anche la ritenzione idrica di una zona così difficile da trattare in maniera mirata allenandovi con la cyclette.

0 2018
scaldabiberon

Riguardo allo scaldabiberon ci sono molte perplessità da parte delle mamme e dei papà, specialmente quando sono alle prime armi e si trovano a dover fronteggiare una prima gravidanza. I dubbi sulla scelta di un modello con determinate caratteristiche piuttosto che un altro sono più che leciti, ogni genitore vuole sapere con chiarezza quello che è meglio fare per il proprio bambino, per questo motivo eliminare ogni dubbio è sempre meglio.

Gli scaldabiberon a caldo sono l’evoluzione del metodo a bagnomaria utilizzato dalle nostre nonne per scaldare il latte materno. Un tempo, infatti, si faceva bollire un po’ d’acqua, si immergeva il biberon e si lasciava stare per qualche minuto fino al raggiungimento della temperatura ottimale. Ovviamente questo metodo era molto approssimativo, la temperatura del latte non era mai perfetta, spesso c’era da aspettare un po’ prima di darlo al bebè in lacrime per la fame, perché troppo bollente. Gli scaldabiberon a caldo, dunque, sfruttano lo stesso principio ma garantiscono una maggiore sicurezza e una temperatura ottimizzata e costante: sono elettrodomestici molto piccoli che possono comprendere diverse caratteristiche.

Una delle cose più interessanti dei moderni scaldabiberon è la presenza della spia che indica se l’apparecchio è in funzione, lo stato del riscaldamento del latte e quando è pronto. Ci sono modelli che oltre a fornire un supporto visivo, hanno anche segnali acustici che avvertono quando il latte ha raggiunto la temperatura stabilita e ottimale.

Lo scaldabiberon è un elettrodomestico che funziona tramite la corrente elettrica, ma esistono modelli pensati per chi si trova spesso in macchina e ha bisogno di poter scaldare velocemente il latte per il proprio bambino. Hanno infatti degli adattatori che, collegati all’accendisigari dell’auto, permettono di mettere in funzione l’elettrodomestico che, ovviamente, tenderà a svolgere molto più lentamente il proprio lavoro.

Nella categoria il migliore scaldabiberon si trovano quelli con vano refrigerante per tenere il latte pronto all’uso, ottimi come veri e propri thermos da portare con sé anche durante una mattinata di spese nel centro della propria città. Questa soluzione può essere molto buona per le mamme e i papà che hanno bambini non molto simpatizzanti del latte troppo caldo, basterà prepararlo prima di uscire per darglielo una volta intiepiditosi all’ora della sua pappa.

Gli scaldabiberon sono dotati di programmi specifici attraverso i quali il latte viene scaldato a temperature differenti, variabili in base ai gusti e ai bisogni dei piccoli: ovviamente il biberon infierisce molto sul risultato finale, più spessa sarà la “bottiglia”, più tempo necessiterà per raggiungere la temperatura desiderata. In ogni caso è sempre importante verificare la temperatura del latte prima di somministrarlo al piccolo, nel caso in cui fosse troppo fredda potrebbe essere difficile da digerire. Per essere sempre sicuri, è bene sempre scegliere uno dei migliori modelli dotati di tutte le funzionalità più importanti, come i scaldabiberon chicco.

0 6887
samsung galaxy

La casa produttrice Sud Coreana Samsung ha presentato, pochi giorni fa, il nuovo Samsung Galaxy S6 (anche in versione Edge), dispositivo che dal prossimo 10 aprile sarà commercializzato anche in Italia: si tratta di un modello che porta con sé un buon numero di novità, a partire dall’implementazione del Samsung Pay, il nuovo sistema di pagamento che sarà possibile con un semplice dito. Essendo, infatti, il Samsung Galaxy S6 dotato di sensore per l’impronta digitale, i pagamenti risulteranno sicuri e molto più veloci: il proprio smartphone diventerà una sorta di carta di credito contactless, ottima per pagare la spesa al supermercato in pochi semplici passi.

Inoltre, Samsung Galaxy S6 e Samsung Galaxy S6 Edge introducono l’innovativa possibilità della ricarica wireless, ottima per poter contare su uno smartphone carico in qualsiasi circostanza.

Considerando i tempi di attesa tipici di casa Samsung, e alla luce della recente presentazione dei nuovi top di gamma del marchio, possiamo finalmente tirare le somme su quando uscirà il Samsung Galaxy S7: si tratterà, per prima cosa, di un dispositivo rivoluzionario, pronto a stravolgere definitivamente il paradigma della telefonia mobile.

Si parla di una serie di caratteristiche semplicemente uniche nel proprio genere, come uno schermo in risoluzione 4k (o 2k nel caso in cui risultasse essere anche flessibile), una batteria dalla ricarica ultra veloce, che in cinque minuti sarà pronta per essere utilizzata, la presenza di un proiettore olografico e di una fotocamera con risoluzione minima di 20 megapixel.

Ma la domanda che tutti i tech addicted si staranno ponendo, vista la grande quantità di carne al fuoco, è: quando uscirà il Samsung Galaxy S7? Quando sarà finalmente presentato?

Se consideriamo che le prime indiscrezioni sono emerse prima che uscisse il suo predecessore, l’appena presentato Samsung Galaxy S6, possiamo affermare che in breve tempo avremo a disposizione molti elementi in più sui quali poter studiare: per avere una vaga idea di quando sarà presentato il Samsung Galaxy S7, seguiamo un semplicissimo ragionamento.

  • Nel marzo del 2013 viene presentato il Samsung Galaxy S4
  • Nel marzo del 2014 viene presentato il Samsung Galaxy S5
  • Nel marzo del 2015 viene presentato il Samsung Galaxy S6 (e il Samsung Galaxy S6 Edge)
  • Nel marzo 2016 saranno presentati sia il Samsung Galaxt S7 che il Samsung Galaxy S7 Edge

Dunque, l’attesa sarà a breve ripagata: questo telefono, non ancora uscito ma già ricco di sorprese da far venire l’acquolina in bocca, non sarà un semplice telefono. Sarà uno stralcio di quel futuro che siamo sempre stati abituati a vedere nei film, sarà un assaggio di una nuova era del mondo degli smartphone, con la quale ci troveremo presto faccia a faccia. Sarà lui: il Samsung Galaxy S7!

0 2101

Spesso sottovalutate, le istruzioni dei prodotti sono invece molto importanti: consentono di scoprire le funzionalità e le specifiche tecniche, aiutandoci così a convivere nel miglior modo possibile con quel prodotto tanto utile quanto indispensabile per vivere al meglio.

scheda tecnica tagliacapelliScopriamo, quindi, insieme come leggere la scheda tecnica di un tagliacapelli, elettrodomestico indispensabile per ogni uomo alla ricerca del miglior metodo per essere sempre al top e con l’acconciatura impeccabile: per prima cosa, lo stato di carica come viene indicato dal prodotto in questione? Esistono due differenti tipologie di indicatori: il display LCD e il Led.

Nel primo caso, ci troviamo di fronte a un modello assolutamente top, il quale, tramite un piccolo display, è in grado di indicare la carica residua, solitamente “tradotta” in tacche simili a quelle dei telefoni cellulari e degli smartphone.

Nel secondo caso parliamo di un Led in grado di illuminarsi con una lucina rossa, nel caso in cui la carica fosse esaurita, o verde per indicare la ricarica effettuata: la maggior parte dei tagliacapelli in commercio, appartenenti alla fascia entry level e a quella media, sono dotati di Led colorato.

Considerata l’importanza della manutenzione per ogni tipologia di tagliacapelli, da effettuare con costanza (in special modo la lubrificazione delle lame!), è opportuno conoscere bene la tipologia di modello che è in nostro possesso: abbiamo un modello lavabile o un modello Wet & Dry? Nel primo caso, si intende, solitamente, il fatto che alcuni dei componenti del nostro tagliacapelli possono essere lavati sotto l’acqua corrente. I modelli Wet & Dry, invece, possono essere utilizzati anche sotto la doccia, consentendo, così, di radersi la testa durante un bel bagno rilassante.

Anche la parte relativa alla lubrificazione, è un punto da conoscere bene del proprio tagliacapelli: esistono, infatti, modelli dove la scheda tecnica indica la presenza di lame autoaffilanti. In questo caso, quindi, non occorrerà lubrificare niente né prima né dopo l’utilizzo: ovviamente soltanto i modelli più avanzati e costosi, cioè i migliori tagliacapelli saranno dotati di queste speciali tipologie di lame. Al contrario, qualora questo dettaglio non comparisse nella scheda tecnica, dovremo procedere alla lubrificazione delle lame, seguendo quanto specificato nelle istruzioni: come funziona la lubrificazione? Molto semplicemente: occorrerà, soltanto, ricordare di mettere qualche goccia dell’olio fornito in dotazione sulle lame.

Per regolazioni di taglio, invece, si intendono le posizioni da far assumere al pulsante o alla rotellina da sfruttare per ottenere un taglio finale soddisfacente per le proprie necessità: minimamente vengono garantiti 3 mm standard.

0 2523
postazione lavoro sedia ufficio

postazione lavoro sedia ufficioViene molto spesso sottovalutata, ma è essenziale per prevenire dolori alla schiena e per aumentare la produttività: parliamo della sedia da ufficio per la scrivania di ogni impiegato e della relativa importanza della corretta postura.

Considerate le otto ore canoniche di lavoro, spesso di fronte a un pc – spesso, oltretutto, aumentate per fare qualche straordinario e aumentare i propri introiti nella busta paga a fine mese – passare questo intramontabile tempo in modo sbagliato, comporta, a fine giornata, un malessere generale, sia fisico che psichico: parliamo dell’importanza delle sedie da ufficio riferendoci, ovviamente, a tutte quelle persone che a prescindere dal lavoro passano la propria giornata, per la maggior parte, seduti a una scrivania, come studenti, ma anche appassionati di gaming. Il rapporto tra postura, scrivania e sedia da ufficio è essenziale: è fondamentale avere a disposizione una sedia regolabile, possibilmente ergonomica, con uno schienale decente e, a seconda dei casi, dotata di braccioli.

Risparmiare sulla sedia da ufficio non è sempre una mossa azzeccata, anzi: spesso, acquistando prodotti poco adatti al proprio lavoro, magari non in grado di “relazionarsi” positivamente con le dimensioni della scrivania, si rischia soltanto di aumentare fortemente la dose di stress quotidiano. Un giusto supporto per la schiena, che sia inclinabile e ben imbottito, aumenterà nettamente le prestazioni e le capacità di concentrazione per lavorare in maniera continuativa e produttiva: un ottimo consiglio da seguire per poter uscire da lavoro con una schiena non dolente, è sicuramente quello di sfruttare il poggiatesta della propria sedia o poltrona.

sedia-girevole-postazioni-lavoro-ergonomicaPer lavorare in maniera efficace e non troppo stancante, occorre, di tanto in tanto, fare una brevissima pausa di qualche minuto, per consentire al cervello di riposare: poggiare la testa alla sedia da ufficio con poggiatesta imbottito e comodo, giusto per qualche istante, consentirà di tenere viva la voglia di lavorare e scaccerà sicuramente l’emicrania dovuta a uno sforzo intellettuale eccessivo. Ovviamente, a seconda del proprio lavoro, cambieranno anche le esigenze: una sedia da ufficio di un contabile avrà la necessità di contare su caratteristiche diverse rispetto a quella di un disegnatore.

Consideriamo l’assetto del contabile: un pc, una tastiera magari a scomparsa nella scrivania, un mouse. L’importanza del poggiatesta e di un buon paio di braccioli, in questo caso, farà la differenza sulla postura; un disegnatore, invece, avrà di fronte un pc con tavoletta grafica o magari un sempreverde foglio di carta. In questo caso sarà fondamentale la possibilità di reclinare a proprio piacimento lo schienale e probabilmente i braccioli, qualora fossero presenti, sarebbero soltanto un intralcio.

La scelta della corretta sedia da ufficio potrebbe sembrare una banalità: come abbiamo visto, per poter lavorare sempre al massimo e non procurarsi troppi dolori alla schiena, scegliere il modello più corretto può davvero fare la differenza.

0 2192
Remington IPL4000 iLight Essential

Siete alla ricerca di un buon epilatore a luce pulsata? Forse il Remington IPL4000 iLight Essential è quello che fa al caso vostro. Un epilatore è un amico molto fedele per ogni donna e uomo alla ricerca della pelle perfetta, e questo Remington IPL4000, di fedeltà, ne ha da vendere!

Cinque tipologie di pelle

Remington IPL4000 iLight Essential

L’epilatore a luce pulsata Remington IPL4000 iLight Essential si presenta con una base molto solida e una pistola, che funzionano tramite alimentazione a cavo (lungo 1,8 metri).

Sulla base abbiamo trovato il pulsante di accensione e degli ottimi regolatori di intensità luminosa, più vari led ottimi per verificare il corretto funzionamento del prodotto.

Da non utilizzare sul viso, questo epilatore a luce pulsata è molto valido per il trattamento delle zone delicate: un sensore, infatti, evita che la macchina flashi inavvertitamente o a vuoto.

Il Remington IPL4000 iLight Essential funziona con cinque tipologie di pelle sia in modalità a flash singoli che in modalità a flash multipli: è presente, per stabilire la propria carnagione e scoprire quale sia l’intensità ottimale, una sorta di questionario. Il risultato sarà la risposta che stavate cercando: più comodo di così!

Maggiori informazioni e acquista su Amazon.it >>

E quando i flash finiscono?

Come sappiamo, gli epilatori a luce pulsata hanno un limite massimo di flash prestabiliti: per il Remington IPL4000 iLight Essential si parla di una lampada da circa 1500 flash, indicati da una spia luminosa presente sulla base, che diventa gialla nel momento in cui rimangono 150 flash. In dotazione Remington fornisce una lampada di ricambio, la quale, una volta finita, potrà essere acquistata tranquillamente nei principali shop ed e-shop.  ( segui il link per acquistare la lampadina di ricambio IPL i-Light 4000 )

I risultati che si ottengono utilizzando questo epilatore a luce pulsata sono stati davvero molto buoni: per quanto riguarda la manutenzione, in dotazione viene fornito un comodo panno delicato, da passare sulla pistola dopo l’utilizzo.

Scheda Tecnica

  • L’unità è composta da: base centrale, manopola con lampadina, finestra di emissione flash con filtro di protezione
  • Flash rapidi: emissione di flash ogni 2 secondi in modalità multi-flash
  • Modalità: Multi-Flash per aree ampie e Flash singolo per zone ristrette
  • Potenza: 7 joule/cm2
  • Indicatori LED per: intensità della luce, modalità selezionata, stato lampadina
  • Sistema di raffreddamento automatico
  • Funzionamento a rete per una potenza continua
  • Lampadina – 1500 flash
  • Panno anti-pelucchi
  • 1 lampadina inclusa nell’apparecchio

Conclusioni

Remington IPL4000 iLight EssentialAcquistando l’epilatore a luce pulsata Remington IPL4000 iLight Essential si porterà a casa propria un vero e proprio salone di bellezza: si tratta di un prodotto estremamente valido, da sfruttare per poter notare un rapido indebolimento dei peli superflui.

Ottimo il led, nonostante sia un po’ troppo piccolo, che ci avverte del corretto funzionamento e diventa giallo quando i flash stanno per finire: le lampadine di ricambio sono molto facili da trovare e hanno un costo davvero contenuto.

Maggiori informazioni e acquista su Amazon.it >>

Svantaggi

  • Led piccolo

Vantaggi

  • Pratico
  • Maneggevole
  • Ottime istruzioni
  • Risultati veloci
  • Prezzo

Maggiori informazioni e acquista su Amazon.it >>

0 1917
Braun 7751 Silk Epil

Braun 7751Il Braun 7751 Silk Epil è un ottimo prodotto per la cura della persona e della propria pelle: questo piccolo epilatore diventerà il vostro migliore amico.

Pratico, sicuro, veloce: insomma, un vero cavaliere pronto a combattere contro gli inestetismi dei peli superflui!

È un epilatore. Ed è Wet & Dry!

Tra le caratteristiche più ricercate dalle donne e dagli uomini che utilizzano un epilatore, la facoltà di poterlo utilizzare sotto l’acqua corrente è certamente una delle più ambite: il Braun 7751 Silk Epil risponde perfettamente a questa necessità, grazie alla funzione Wet & Dry. Utilizzarlo sia a secco che sotto acqua calda, è estremamente semplice e piacevole epilare gambe e corpo sotto un bel getto di acqua calda al punto giusto, perfetta per consentire ai pori di dilatarsi.

Con la testina flessibile, questo epilatore è in grado di seguire delicatamente e con cura le naturali linee del corpo, consentendo di sfruttare un’accuratezza massima: in una passata le nostre gambe saranno perfette, lisce e levigate.

Un epilatore che fa per due

Come se non bastasse, l’epilatore Braun 7751 Silk Epil è dotato di una testina a lame, in grado di radere le zone da ripassare: in questo modo anche i peli più ostinati vengono immediatamente eliminati, mentre la pelle riesce a rigenerarsi, grazie alla rimozione dello strato di cellule morte in superficie.

In funzione riesce a coprire 30 minuti di accensione senza nessun problema, per una ricarica totale di appena un’ora: funzionando senza fili, abbiamo potuto constatare l’ottima possibilità di movimento e la maneggevolezza assoluta, sorprendente.

Maggiori informazioni e acquista su Amazon.it >>

Braun 7751 Silk Epil

Scheda Tecnica Braun 7751 Silk Epil

  • Utilizzo Corpo
  • Lavabile
  • Funzione Wet & Dry: Sì
  • Altre funzioni: combina l’epilazione con la tecnologia Gillette Venus per risultati di lunga durata in una sola passata, Con 40 pinzette permette di rimuovere anche i peli più corti e sottili (0.5mm).
  • Smartlight
  • Testina epilatrice oscillante
  • Accessorio esfoliante con lama
  • Testina rasoio
  • Cappuccio per l‘epilazione
  • Cappuccio aree sensibili

Conclusioni

silk-epil-7Se siete alla ricerca di un buon epilatore, che includa anche una testina con lame per le rifiniture, il Braun 7751 Silk Epil è davvero ottimo: nonostante in dotazione siano mancanti la base d’appoggio e una pochette per il trasporto, il prodotto risulta estremamente valido da tutti i punti di vista.

Ottimo da utilizzare sotto la doccia, maneggevole, con un’impugnatura antiscivolo è perfetta: consigliamo di scegliere questo prodotto per fare un regalo gradito alle vostre signore, alle vostre madri o alle vostre amiche. Ne saranno estremamente soddisfatte!

Maggiori informazioni e acquista su Amazon.it >>

Svantaggi

  • Manca pochette da viaggio
  • Manca base d’appoggio

Vantaggi

  • Maneggevole
  • Ottimo grip
  • Funzionale
  • Delicato
  • Rasoio+epilatore

Maggiori informazioni e acquista su Amazon.it >>

0 2564
marsupio per bambini

Una bella giornata di sole, una piccola stella dal sorriso smagliante e tutto l’amore del mondo: cosa c’è di meglio che godersi una bella passeggiata per la nostra città con nostro figlio?

Un modo per sgranchirsi un po’ le gambe, anchilosate dalla settimana appena passata di stress, lavoro e fatica, un modo per dare un’occhiata alle vetrine in compagnia di tutta la famiglia. Passando davanti al negozio per neonati, mi sono rivista in quelle mamme intente a parlare con le commesse, pronte a mostrare i migliori passeggini in commercio per le esigenze quotidiane: mi sono ricordata di quando per la prima volta, io e mio marito abbiamo sentito parlare del marsupio per neonati. Una scoperta indimenticabile!

Facendo qualche ricerca in internet siamo venuti a conoscenza della grande diffusione che questo prezioso strumento ha in tutta Europa e oltre Oceano, rispetto all’Italia: abbiamo scoperto che il suo nome è “Snugil”, da “to snuggle”, in inglese, che significa coccolare.

Ci siamo incuriositi e abbiamo deciso di acquistarlo, specialmente considerando la praticità che garantisce anche in treno o in autobus, e per il fatto che riesca a garantire un contatto diretto con mamma e papà.

Passeggiare con il marsupio è un’esperienza magnifica: il nostro piccolo, tranquillo e beato, risulta sempre nella posizione più corretta e soprattutto può fare tutto ciò che vuole.
Ha sonno? Un sonnellino tranquillo e rilassato sotto i delicati raggi del sole di questa stagione, a contatto col cuore della sua mamma o del suo papà. È vivace e arzillo? Uno sguardo al mondo interessato ed entusiasmante, con tutta la sicurezza che ogni genitore necessita e pretende di avere: il bambino, infatti, non solo non rischia di compromettere la saluta della schiena del genitore che lo porta, ma può essere sorretto e tenuto in qualsiasi circostanza, e controllato costantemente.

marsupio per bambini passeggiateProbabilmente la parte più interessante che io e mio marito abbiamo potuto piacevolmente sperimentare, è l’assenza di problemi durante i viaggi in automobile o, in generale, con i mezzi pubblici: niente più passeggini difficili da chiudere, magari con la fretta di un appuntamento dal pediatra e la terribile sensazione di essere in ritardo, o che si incastrano sui sanpietrini mal messi della città.
Certo, il passeggino rimane un prodotto che in casa, volenti o nolenti, è necessario avere, perché in alcune circostanze diventa davvero indispensabile.
Ma per una bella passeggiata con nostro figlio, abbiamo scelto di adottare come soluzione definitiva il marsupio: il nostro modello è delizioso, decorato con i personaggi sorridenti della Disney e rivestito in un materiale davvero molto caldo e morbido. Avere le mani libere per poterlo carezzare o per indicare le scoperte più interessanti che si annidano per la città, come un aereo in volo o uno scoiattolo su un albero, è un aspetto da non sottovalutare. Guardando in quella vetrina ho pensato di entrare e consigliarlo a tutti i clienti presenti, ma poi ho guardato mio figlio: dormiva, beato, l’ora della pappa si avvicinava e, così, abbiamo deciso di tornare a casetta. Di giornate così ne servirebbero un’infinità!

0 2333
Staffa per TV

Spesso quando si acquista un televisore da molti pollici ci si dimentica di pensare al supporto che lo reggerà, facendo in modo che sia saldo e ben appeso al nostro muro: cosa scegliere?

Un ingombrante tavolino che occupa spazio, o un bel supporto da TV solido, elegante e appropriato?

Sicuramente, optando per una buona staffa per TV si potranno avere vantaggi che nessun tavolino potrà mai darci: per prima cosa, i supporti sono inclinabili o addirittura in grado di roteare fino a un massimo di ben 360°.

Se stiamo arredando un bar o un ristorante e la sala nella quale andremo a posizionare la televisione è molto ampia, dobbiamo pensare soprattutto al benessere dei nostri clienti, consentendo loro di guardare, magari, la partita in maniera comoda da ogni angolazione.

Ogni televisore ha delle misure particolari e un formato che viene indicato o sullo scatolo dell’imballo o nel manuale di istruzioni: calcolando la diagonale presa dall’angolo sinistro in basso fino all’angolo destro in alto, si potranno ricavare i pollici effettivi dello schermo, senza contare la cornice.

Una volta che si avranno le misure del nostro nuovo televisore, si potranno scegliere supporti di tutti i tipi (a soffitto, motorizzati o classici supporti a muro) in base alle nostre esigenze: gli standard VESA sono un elemento importante da non sottovalutare.

Si tratta, in sostanza, della misura presa verticalmente tra i quattro fori posti sul retro del televisore: questi standard dimensionali sono frutto di una sorta di accordo redatto tra i principali produttori di TV al mondo.

Per cui è essenziale conoscere le misure VESA della propria TV per poter scegliere una staffa da muro adeguata: nel caso in cui il nostro televisore non sia presente nella lista, parliamo di non-VESA.

A riguardo è dunque fondamentale acquistare una staffa per TV appropriata o comunque universale, in grado di soddisfare i requisiti dei quali abbiamo bisogno: per trovare staffe di qualità VESA o non-VESA, i siti presenti sul web potranno rispondere a tante domande di tanti utenti in cerca di un supporto valido per il proprio televisore. E non solo:  sul web, potrete inoltre trovare tante ottime offerte online per acquistare staffe per TV a prezzi davvero convenienti.

Consultate sempre sia la scheda tecnica del vostro televisore che quella del supporto che state per acquistare: oltre alle misure VESA è molto importante notare i pollici “supportati” dalla staffa, ma soprattutto il peso massimo che il televisore da fissarvi potrà avere.

Qualora doveste sbagliare ad acquistare un supporto per TV, magari scegliendo una staffa che non contempla i pollici del vostro televisore o il peso, non utilizzatela assolutamente! La sicurezza va messa sempre al primo posto, pertanto è strettamente necessario acquistare un nuovo supporto per TV che abbia i giusti parametri.

0 2040
Chiacchere di carnevale

Ecco nn’ottima ricetta che spiega come preparare le deliziose chiacchere di carnevale con l’aiuto della friggitrice. Siete pronti?

Cenci, bugie, chiacchiere, frappe, donzelle, sfrappole: tanti nomi per un piatto gustosissimo della tradizione italiana, che si prepara nel periodo della quaresima, tradizionalmente legato al Carnevale. La storia della ricetta delle chiacchiere è davvero molto antica: nell’Antica Roma già si producevano e, mentre oggi si friggono in moderne friggitrici con olio di semi o pregiato olio d’oliva, al tempo si utilizzava il grasso del maiale.
Ma come si preparano le chiacchiere di carnevale? Scopriamolo insieme!

Ingredienti per 4 persone

  • Tre uova intere e un tuorlo;
  • 500 grammi di farina 00;
  • 70 grammi di zucchero;
  • Un pizzico di sale;
  • Lievito per dolci, 6 grammi;
  • Una bustina di vanillina;
  • 60 grammi di burro;
  • 25 ml di grappa o liquore a piacere;
  • Olio di semi per friggere;
  • Zucchero a velo

Avete la vostra friggitrice pronta da utilizzare? Benissimo, allora possiamo iniziare a preparare le chiacchiere.

Per prima cosa disponiamo su una spianatoia o in una ciotola la farina setacciata e il lievito, formando una fontana.

Al centro mettiamo il burro, la vanillina, lo zucchero, il bicchiere di grappa o liquore a piacere, un pizzico di sale e le uova.

Iniziamo a impastare finché non avremo ottenuto un impasto elastico e omogeneo, creando una palla che dovrà riposare in un luogo fresco per mezz’ora, avvolta in pellicola trasparente da cucina.

Una volta terminata la lievitazione, spianiamo la pasta con un mattarello o un apposita macchinetta, fino a ottenere una sfoglia spessa almeno 2 mm.

Ripieghiamo, quindi, la sfoglia fin quando non sarà liscia e compatta al punto giusto: passiamo, quindi con la rotellina col fine di ottenere delle striscioline di almeno 5 cm per 10 cm, da incidere centralmente per lungo.

Adesso è il momento di passare all’utilizzo della nostra friggitrice: l’olio dovrà essere ben caldo, quando andremo a immergere le striscioline di chiacchiere da friggere.

La temperatura dell’olio dovrà essere, indicativamente, di 170-180 gradi: una volta che il colore delle chiacchiere sarà dorato, tirate fuori il cestello e lasciate riposare il tutto su di un uno strato di carta assorbente.

Una volta che le chiacchiere saranno raffreddate, cospargiamole con dello zucchero a velo a piacere (sempre che sia di nostro gradimento) o in alternativa con dello zucchero semolato normale: questo tipo di preparazione deve essere consumato appena raffreddatosi leggermente. Tuttavia, potranno resistere un paio di giorni protette in un bel sacchettino di carta.

All’impasto tradizionale si possono aggiungere altri liquori, dal marsala al rum, e un pizzico di scorza di limone grattugiata: potete sperimentare a vostro piacere, mettendo, al posto dello zucchero a velo, un po’ di cacao dolce o cospargendo le vostre chiacchiere con uno strato di glassa al cioccolato.

Buon divertimento con la vostra friggitrice e buon appetito!

SALUTE

0 1753
La cyclette può aiutare ogni donna a ridurre la massa grassa in una delle zone più odiate e difficili da trattare, le cosce. Questo...